“Senilità” (Italo Svevo) – La psiche nei libri

"Senilità" (Italo Svevo) – La psiche nei libri
Immagine di sfondo: foto di Nara Labbocchi da Pixabay

Ci sono romanzi che continuano a emozionarci, nonostante siano stati scritti in un periodo storico lontano. “Senilità” di Italo Svevo, a mio avviso, è un ottimo esempio. La sua attualità può sorprendere, considerando che venne pubblicato per la prima volta, a puntate, nel 1898!

Siamo a Trieste, dove vive il protagonista Emilio Brentani: un trentacinquenne che conduce un’esistenza senza pretese, avendo rinunciato ai suoi desideri più autentici. Ha un impiego non molto redditizio, ma sufficiente a lui e alla sorella Amalia per tirare avanti nonostante le ristrettezze. Anni prima, il suo unico romanzo ha ricevuto un’accoglienza positiva a livello locale, ma Emilio sembra aver accantonato la vena letteraria. Il titolo “Senilità” spiazza quando scopriamo che il protagonista è un giovane uomo, ma la senilità del romanzo è un fatto interiore. La rinuncia alle proprie aspirazioni in cambio di una routine monotona, che dia l’impressione di essere al sicuro dagli scossoni della vita.

A stravolgere la routine di Emilio, però, sarà una ragazza conosciuta per caso: Angiolina, dalle origini popolari e dalla bellezza abbagliante. Quello che nasce come un innocente flirt divamperà in una passione travolgente, dalle conseguenze imprevedibili.

“Senilità”: un viaggio tra pensieri ed emozioni di una passione tormentata

L’aspetto psicologico di “Senilità” contribuisce molto a renderlo attuale. Se Emilio e Angiolina all’inizio si danno del “lei”, come usava allora, presto passeranno al “tu” e la loro vicenda assumerà tratti decisamente moderni.

"Senilità" (Italo Svevo) – La psiche nei libri
Italo Svevo – foto da Wikipedia

Centrale nel romanzo è il tema dell’idealizzazione sentimentale: trasfigurare una persona, proiettare su di essa i nostri ideali e desideri anziché capire chi è davvero. Emilio si troverà diviso tra la sua anima di sognatore, che vede in Angiolina quasi una “donna angelo” dantesca, e la realtà: la ragazza a tratti è sfuggente, forse nasconde qualcosa.

Profondamente caratterizzata è anche la strana amicizia di Emilio con lo scultore Stefano: un rapporto connotato da un certo opportunismo reciproco, dal desiderio che l’altro compiaccia il proprio ego o compensi le proprie debolezze. “Senilità”, insomma, è davvero un romanzo psicologico nel vero senso della parola.

Facebook Comments

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando "Cookie policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altro modo, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi