Bufale assurde e come evitarle. Psicologia delle fake news

Improbabili allarmi su presunti rischi per la salute. Complottismi. Fake news a sfondo politico e sociale, apparenti resoconti di misfatti. Tutto accompagnato, spesso, dall’invito a “far girare”.Bufale assurde e come evitarle. Psicologia delle fake news

Sono tanti i volti delle “bufale”, le notizie inventate che vengono scambiate per verità e diffuse a velocità impressionante.

Come nascono?

Talvolta sono semplicemente scherzi di pessimo gusto.

In altri casi, però, nascondono qualcosa di più subdolo e inquietante.

Nel 2017 ha fatto scalpore la scoperta di una rete di siti web italiani dediti alle fake news, poi chiusi. Perché qualcuno spendeva tante energie nella creazione e nella diffusione di menzogne?

Semplice: per denaro.

Quei siti attiravano con titoli sensazionalistici migliaia di ignari utenti in pagine piene di pubblicità. Pubblicità che gli inserzionisti pagavano, magari in proporzione ai visitatori.

A volte le bufale più cliccate sono a dir poco assurde: dall’astronave che vola sul lago (con foto che sembra tratta da “Star Wars”), ai migranti che assaltano per protesta…lo zoo.  Allora cosa spinge tante persone a crederci e a rilanciarle senza esitazione?

I fattori psicologici nel fenomeno delle bufale  Bufale assurde e come evitarle. Psicologia delle fake news

La giornalista scientifica Kirsten Weir ipotizza che entri in gioco un fenomeno detto “motivated reasoning” , studiato dalla ricerca psicologica. Si tratterebbe di una tendenza ad avvalorare le informazioni che confermano la propria visione del mondo.

Ogni bufala, infatti, è spesso veicolata da persone particolarmente sensibili a certi contenuti.

Individui spaventati dai fenomeni migratori credono più facilmente alle fake news su reati o privilegi attribuiti a immigrati. Un “complottista” è più propenso a vedersi vittima di manipolazioni, arrivando perfino a negare verità scientifiche.

Se un soggetto, inoltre, si sente parte di un gruppo unito da determinate convinzioni, può trovare difficile Bufale assurde e come evitarle. Psicologia delle fake newsconfutare quanto la “community” sostiene.

A volte, la bufala acquisisce credibilità anche perché viene condivisa da amici o parenti. Da persone ritenute “fidate”, insomma.

In alcuni casi, poi, ha un ruolo chiave l’impulsività con cui certi individui agiscono online. L’urgenza di attirare l’attenzione, l’ossessiva ricerca di “like” non aiutano a selezionare attentamente cosa condividere.

Vediamo quindi alcuni consigli per smascherare le bufale!

Consigli pratici anti bufale

  • Controlla la fonte

Sappiamo chi pubblica un determinato contenuto? A volte basta uno sguardo attento al link del sito d’origine. Bufale assurde e come evitarle. Psicologia delle fake newsAlcuni siti “bufalari” storpiavano i nomi di famose testate giornalistiche in maniera minima. Così, un utente distratto credeva di leggere una fonte autorevole.

Spesso quei siti web, per tutelarsi legalmente, riportano in fondo alla home page una piccola dicitura che rivela la natura satirica o inventata degli articoli. Fai quindi uno scroll della home dei siti “dubbi”!

  • Fai una ricerca online prima di condividere

Inserisci le keyword relative a una notizia in un motore di ricerca. In molti casi appariranno prima i risultati di testate giornalistiche reali, che riveleranno la verità sulla vicenda. È comunque sempre consigliabile cercare informazioni su siti affidabili.

  • Consulta siti web dedicati al debunking

Esistono diversi siti creati appositamente per smascherare le fake news: una pratica detta “debunking”. Tra i più noti in Italia troviamo Butac.it (“Bufale un tanto al chilo”) e Bufale.net. Pubblicano regolarmente articoli che rivelano la verità dietro alle bufale del momento. Al loro interno è possibile anche consultare “black list” dei siti web che diffondono fake news.

  • Chiediti in che condizioni psicologiche ti trovi mentre leggi

Sei particolarmente agitato, stressato? Una forte attivazione fisiologica può abbassare le tue difese, riducendo l’autocontrollo. Rischi così di condividere senza le giuste riflessioni. Impara a essere sempre più consapevole dei tuoi stati d’animo!

Mi trovo quindi a concludere questo articolo con la stessa “call to action” amata dai bufalari, ossia:

Fai girare!

Perché creare consapevolezza è l’unico modo per togliere potere a chi specula sull’ignoranza, sulla paura e sull’impulsività.

 

Facebook Comments

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando "Cookie policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altro modo, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi